IGV


stopStop all’obiezione di coscienza nei consultori. Il decreto appena approvato dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti mette fine all’esercizio dell’obiezione per i ginecologi e il personale medico non coinvolti direttamente in procedure attive di interruzione volontaria di gravidanza: alle donne che scelgono di abortire va garantita l’informazione e la continuità assistenziale prevista dalla 194. L’atto ribadisce inoltre che il personale operante all’interno dei consultori è tenuto per legge a prescrivere i contraccettivi, compresa la pillola del giorno dopo e dei cinque giorni dopo e ad applicare i sistemi contraccettivi meccanici.

Una buona notizia, che va in direzione di una migliore applicazione della legge 194, cui deve ora far seguito un impegno analogo su un fronte ancora più problematico, gli ospedali pubblici: nel Lazio l’obiezione di coscienza tra i ginecologi ospedalieri si attesta infatti al 91,3% e in 10 strutture pubbliche su 31 non si eseguono interruzioni di gravidanza, nonostante la legge escluda l’obiezione dell’intera struttura ospedaliera.

Chiediamo ancora una volta al presidente Zingaretti di prendere tutti i provvedimenti necessari a garantire la piena applicazione della legge e l’accesso all’interruzione volontaria di gravidanza in tutti gli ospedali pubblici e convenzionati del Lazio.

 

firma la petizione

8marzo3 (altro…)

25 MARZO – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato oggi una delibera per ampliare le modalita’ per l’interruzione volontaria di gravidanza medica negli ospedali del Lazio mediante la somministrazione della pillola Ru486.Fino ad oggi, infatti, era previsto che l’aborto medico con la pillola Ru486 si potesse effettuare solo in regime di ricovero ordinario della durata di 3 giorni. ru_486

Con il provvedimento adottato dalla Giunta Zingaretti si stabilisce che il trattamento farmacologico potra’ avvenire anche in Day hospital. Spettera’ comunque al medico, che prende in carico la paziente, la decisione di estendere o meno la durata del ricovero, ovviamente sulla base del quadro clinico della donna. (altro…)

Anche la Calabria è scesa in piazza per la difesa della 194 qui la sua pagina Facebook

Due sono state le iniziative che si sono svolte in questa regione l’8 marzo:

cosenza– un sit-in di protesta e di sensibilizzazione a Cosenza organizzato per l’8 marzo 2014 il  Io Sono Mia, di fronte l’ospedale Civile dell’ Annunziata.
L’azione puntava a sensibilizzare i/le passanti sulla situazione attuale tramite volantinaggio, e a protestare contro l’ospedale che non garantisce di fatto la piena applicazione della 194

reggioa Reggio Calabria invece le donne sono scese “In piazza per coinvolgere le ragazze e i ragazzi che rappresentano il nostro futuro, a cui va trasmessa la storia delle nostre conquiste passate e con cui continuare a lottare per affermare i diritti delle donne, che sono anche i diritti di tutt*!”

La campagna maipiùclandestine muove i suoi primi passi a Salerno.

Trent’anni della legge #194 in Campania.

Giovedì 13 maggio alle ore 18.00 a Spazio Donna (piazza della Ferrovia)

loc psd (altro…)